Loading...
Il problema2017-10-29T19:14:54+00:00

Sei a conoscenza di questo problema?

Le interferenze elettriche generate dalle lampade a LED

Con la messa in atto delle nuove normative europee per il risparmio energetico le vecchie lampadine ad incandescenza sono state progressivamente sostituite da lampadine con nuove tecnologie a basso consumo, principalmente a fosforescenza e a LED. Mentre le prime sono note da decenni le secondo sono di recente introduzione.

Alcuni prodotti di illuminazione a  LED sono stati segnalati più volte per le loro emissioni di rumore, chiunque può notare come interferiscono con la radio FM e i segnali DAB. Mentre i diodi emettitori non producono alcun rumore rilevabile, i circuiti di potenza in tecnologia switching che alimentano i LED funzionano ad alte frequenze e possono causare interferenze elettromagnetiche.

Sulla base delle esperienze riportate di alcuni utenti potrebbero verificarsi problemi di interferenza (a volte, violazioni delle norme EMC) causati dalle emissioni nella banda tra i 30MHz e i 300MHz di alcuni prodotti a LED. Le luci LED più comunemente coinvolte sono di tipo MR16 (più correttamente GU5.3), ma emissioni sono state osservate anche in altri tipi, tra cui i modelli GU10, E27 e B22.

Nel caso delle luci MR16, i segnali di rumore emessi sarebbero probabilmente il risultato dei trasformatori elettronici che li alimentano piuttosto che delle luci stesse.

I trasformatori elettronici sono alimentatori a modalità commutata (switching), cioè si accendono e si spengono con frequenze elevate per ridurre al minimo la dissipazione di potenza dovuta alla corrente che gli attraversa. Quando queste frequenze non vengono filtrate correttamente, si posso avere emissioni di interferenze a radiofrequenza. La radio FM (banda di trasmissione 87,5-108,0 MHz) e la radio DAB (banda di trasmissione da 174 a 230 MHz) sono fra i segnali he soffrono più facilmente  a causa di questo irraggiamento.

Nelle altre sezioni trovate alcuni test di lampadine a LED, sono stati estrapolati e tradotti da un articolo di LED BENCHMARK.  Per motivi legali non possiamo riportare i nomi de costruttori, ma potete recuperarli dall’articolo originale.

L’ultima sezione riporta le nostre personali esperienze e conclusioni, vi invitiamo vivamente a leggerle.

Il faretto A19 della F***

Le emissioni di interferenze  a radiofrequenza di una A19/DM/800/LED dimmerabile fabbricata da F*** E******* sono state misurate usando un’antenna VHF e un analizzatore di spettro sulla gamma 30-300 MHz. Si è scoperto che La luce a LED emette significative interferenze a banda larga in accordo con le segnalazioni degli utenti, aggiungendo rumore acustico alle FM e tagliando completamente le stazioni DAB. La differenza istantanea del segnale radio attraverso la banda misurata quando la luce è in funzione e quando è spenta può essere visualizzata nel grafico dello spettro radio in basso. L’interferenza di picco generata su 30-300MHz è rappresentata nella figura precedente, il rumore sostanziale generato a 94-110MHz (una banda di frequenza contenente stazioni radiofoniche popolari) è evidenziata nella casella rossa.

Il faretto LED MR16 da 5W di C****

Alcune interferenze radio FM sono state segnalate a causa del faretto a LED MR16da 5Wdi C**** . La modifica istantanea dello spettro radio misurato a 1 metro dalla luce del LED fornita da un trasformatore elettronico OSRAM Redback può essere visto nella figura seguente. La stessa luce collegata ad un trasformatore magnetico  produce comunque interferenze a radiofrequenza, anche se significativamente meno.

Lampadina a bulbo dimmerabile E****L*****

Anche le emissioni in interferenze in radiofrequenza di una lampadina a bulbo dimmerabile prodotta da E****L***** sono state misurate usando lo stesso test precedentemente impostato. In contrasto con le due precedenti misurazioni, tuttavia, i  due fotogramma della figura seguente mostra la massima emissione registrata  in un minuto di campionamento in frequenza quando la luce era accesa, rispetto a quando era spento. Come evidente dal grafico sottostante, questo è un caso estremo dei disturbi  che possono essere emesso da prodotti di illuminazione a LED quando non dispongono di un’adeguata soppressione in radiofrequenza.

M******** 5W MR16

Un caso particolarmente grave di interruzione del segnale digitale TV / DAB è stato causato da una lampadina LED M******** 5W MR16. Sono stati misurati  alti livelli di interferenze in radiofrequenza, e questo indipendentemente dal fatto l’alimentazione fosse fornita da un trasformatore elettronico o magnetico a 12VAC. L’emissione massima di disturbo generata dalla luce misurata nella gamma 30-300 MHz è visibile nella figura seguente. Molti clienti hanno segnalato che il prodotto ha interrotto completamente la televisione digitale e la ricezione radio anche interessando le case vicine. L’esperienza di uno di questi utenti ha generato una discussione sul forum della Whirpool.

Considerazioni finali

Questi sono casi di prodotti a lampade a LED che emettono notevoli quantità di interferenze a radiofrequenza, per fortuna la maggior parte delle lampade a LED, in particolare quelle di produttori di illuminazione con una certa reputazione, sono progettati con una sufficiente soppressione in radiofrequenza in modo da non mostrare questo tipo di problemi.

Tuttavia anche se gli effetti più evidenti possono essere ridotti, restano ancora emissioni che possono alterare il buon funzionamento degli apparecchi, soprattutto (ma non solo) audio.

Aggiungete a questo tutti i dispositivi WiFi e Blue Tooth ed è evidente che ormai l’aria dei nostre case è satura  di rumori elettromagnetici ad alta frequenza.

In un ambiente così “ostile” anche le normali precauzioni per la progettazione di prodotti audio non sono più sufficienti. Sono necessarie misure più drastiche, perché il problema probabilmente non migliorerà anzi peggiorerà. In questi anni abbiamo provato in varie configurazioni e luoghi molti condizionatori di potenza, trasformatori, induttori e filtri. Il risultato è sempre misto. Ciò che funziona in un posto non funziona allo stesso modo in un altro luogo. Inoltre queste soluzioni sono a volte più dannose che benefiche. Non è un problema facile da risolvere.

Per questo abbiamo sviluppato un approccio completamente nuovo alla progettazione dei filtri che abbiamo chiamato HUFO.

Constaterete da voi come, introducendo la nostra nuova tecnologia nell’impianto audio, la riduzione degli effetti nefasti di tali disturbi, anche quelli più inaspettati,  sarà immediatamente percepibile.